Telefono: 514.884.6420 | Fax: 514.276.3527 | Email: info@federazionecampania.com
HOME/INFO    EVENTI/FOTO    FOTOGIORNALISMO    CONTATTO

Seguici su   


// FOTOGIORNALISMO

Ass. San Mango Sul Calore


Quest'anno l'associazione famiglie San Mango Sul Calore celebra 40 anni di fondazione il 24 agosto 2014. Ogni anno c'e la scampagnata di San Teodoro che si festeggia al Parco San Sisto a Mascouche, Quebec.

San Teodoro Martire di Amasea e il Protettore di tutti i San Manghese nel mondo. San Teodoro era un soldato Romano che era in passagio a San Mango che estatto bruciato vivo e il suo ditto estatto rimasto in tatto.

Teodoro, originario dell'Oriente, arruolato nell'esercito romano, era stato trasferito con la sua legione nei quartieri invernali di Amasea (Anatolia) al tempo dell'imperatore Galerio Massimiano.

Improvvisamente fu promulgato un editto per cui si ordinava ai soldati di sacrificare agli dei; Teodoro che era un cristiano si rifiutò.

Ricondotto in tribunale fu torturato con il cavalletto e poi gettato in prigione a morire di fame, lì ebbe celesti e confortanti visioni, infine fu condannato a bruciare vivo.

Secondo un'antica tradizione il suo corpo fu trasferito a Brindisi dove è conservato in un'urna --reliquiario di argento nella Cattedrale. Il salmo in passagie, all'altezza dell' incrocio che dal fiume Uccello porta alla Chiesa di Sant'Anna, nel territorio di San Mango sul Calore, causa l' innaturale appesantimento del corpo del Santo Martire i portatori sono costretti a fermarsi. Il fatto scatena la curiosità di numerosi abitanti dei paesi vicini fra i quali il parroco di San Mango, il quale toccando il corpo del Santo si trova fra le mani un dito.

Costui grida al miracolo, il corpo si alleggerisce e si può proseguire il viaggio. Il parroco di San Mango, seguito dai numerosi fedeli presenti all'accaduto, si reca nella Chiesa Madre portando in processione la Sacra Reliquia. Dal quel momento San Teodoro Martire di Amasea divenne Patrono di San Mango sul Calore e questa data viene festeggiata come "la venuta di San Teodoro".

(Approfondimenti bibliografici:
Prof. Ubaldo Reppucci, S. Teodoro Martire di Amasia patrono di S. Mango sul Calore (Av): note agiografiche, Avellino 1978)

Venite celebrare con noi una bellissima scampagnata fra amici e parenti il 24 agosto al Parco San Sisto a Montreal.
Per informazioni www.caloremontreal.com

Ass. Famiglie Sanpieterese


Ass. Famiglie Sanpieterese di Montreal festeggia il 44mo anniversario di fondazione sabato, il 12 aprile alle ore 18:00 al Congres Renaissance (Rivieres des Prairies, Montreal).

Il nome di S.Pietro Infine, toponimo di origine latina (ad flexum) "presso la piegatura" attesta la presenza in epoca romana di un centro (pagus) già fiorente e localizzato ai margini della Via Latina. L'ad flexum é divenuto "in flea, in flia" e quindi Infine, a conferma della sua antica derivazione e del perché "Infine".

Varie Chiese erano presenti in quell'epoca e tra queste le Chiese di S.Pietro, S.Maria dell'acqua, S.Maria in Pantano, S.Nicola e S.Cataldo, S.Martino, S.Maria del Lago, dislocate in vari punti del territorio comunale. Nei primi anni del '400 troviamo per la prima volta scritto il nome di S.Pietro Infine così come si scrive adesso.

Dopo la caduta della dinastia Borbonica, nel 1860 con la proclamazione del Regno d'Italia fiorisce nella zona il fenomeno del brigantaggio che si trascinò per una decina d'anni e particulare ruolo di capobanda ebbe proprio un Sanpietrese: tale Domenico Fuoco.

Esso capobanda, terrore della montagna di Picinisco, fu ardito e furbo e molto abile nello sfuggire alle imboscate però, tradito, fu ucciso a Picinisco nel 1870 (atto di morte n.59 del Comune di Picinisco).

Nel 1915 si ebbe il terremoto della Marsica che provocò notevoli danni nell'abitato tali da indurre la popolazione a insediarsi in altro luogo (case da pede). La guerra del 1943 serbò un durissimo tributo ai Sanpietresi. Si trattò della distruzione quasi completa del centro abitato.

Le forze alleate l'assediarono dai primi di dicembre di quell'anno fino alla presa di Montecassino. Tali eventi provocarono lo sbandamento totale della popolazione costringendola a localizzare un nuovo centro abitato a valle dell'antico (centro nuovo di S.Pietro Infine) conservando come testimonianza lo antico tessuto del paese.

La ricostruzione é stata rapida nonostante molte persone siano andate via da questa terra per dimenticare e per iniziare una nuova vita interrompendo la desolazione con un nuovo posto di lavoro. La maggior parte di queste persone é in Canada e nel Nord America.

Venite festeggiare con noi il 12 aprile al Centre des Congres Renaissance!
Per informazione www.afsanpietrese.com